J_Coworkers.jpg

IKEA chiude l’anno d’esercizio segnando un incremento delle vendite del 7% e guadagnando quasi 1 franco svizzero su 4 online.

Spreitenbach - 26-10-2021 | Eventi
IKEA Svizzera ha registrato un fatturato complessivo di 1'227 milioni durante il proprio ultimo anno fiscale, dal 1° settembre 2020 al 31 agosto 2021, una crescita del 7,0% rispetto all’anno precedente. Mentre le vendite nei negozi sono rimaste stabili nonostante le 6 settimane di lockdown a gennaio/febbraio 2021, la crescita può essere attribuita principalmente alle vendite online, che rappresentano il 23,3% del fatturato totale (rispetto al 14,7% nel 2020 e al 9,1% del 2019). Il fatturato di IKEA Food è rimasto al di sotto delle aspettative per via della lunga chiusura dei ristoranti, diminuendo del 19,8%.
Nonostante un ulteriore lockdown a gennaio e febbraio 2021, IKEA è riuscita a crescere considerevolmente. Gli investimenti nei processi e nei servizi logistici hanno contribuito a sostenere questa crescita: «Mentre durante il primo lockdown del 2020 abbiamo faticato ad andare di pari passo con l’elevata domanda, nel 2021 siamo riusciti ad adattarci molto meglio alle circostanze. Abbiamo potenziato la nostra efficienza grazie allo spirito d’impresa e agli straordinari sforzi dei nostri collaboratori. Ne conseguono tempi di consegna stabili a 3-4 giorni – diminuiti rispetto ai quasi 30 giorni durante il primo lockdown», afferma la CEO Jessica Anderen.

La crescita è stata favorita da due fattori: la domanda costantemente elevata di prodotti per l’arredamento dovuta al telelavoro, al fatto di dover cucinare e mangiare a domicilio e la necessità di soluzioni per la gestione degli spazi. In secondo luogo, il comportamento dei consumatori ha continuato a orientarsi verso gli ordini online. Di conseguenza la necessità di servizi è ulteriormente aumentata e mostra una forte crescita del 15,4%. I due terzi di tale crescita sono dovuti all’attività online, l’altro terzo riguarda i servizi prenotati nei negozi. Il rilancio dei servizi di progettazione da remoto e l’app IKEA dedicata agli acquisti hanno svolto un ruolo chiave nell’incremento dell’attività online.
«Siamo estremamente soddisfatti dei risultati. Con l’esperienza maturata nell’ultimo anno e mezzo di pandemia abbiamo spostato la nostra attenzione sulla necessità di generare un impatto nel lungo periodo, andando oltre il semplice incremento del fatturato», dichiara la CEO Jessica Anderen. «Abbiamo imparato a ridefinire il successo negli affari. Per noi si tratta di creare valore – non solo per l’azienda ma anche per i consumatori, i nostri collaboratori e l’ambiente.»

Erogazione di bonus e aumento del salario minimo per i collaboratori
I collaboratori IKEA sono un fattore chiave per il successo aziendale e beneficiano dei grandi risultati ottenuti. Quest’anno, ogni collaboratore ha diritto a un bonus di circa un mese di salario in aggiunta alla 13a mensilità. All’inizio di quest’anno IKEA Svizzera ha già aumentato il salario minimo a CHF 4'000.-.

Il cambiamento del comportamento dei clienti porta all’innovazione e al miglioramento dell’offerta di servizi
Con la quota di vendite online aumentata dal 9 al 23 percento in soli due anni, IKEA Svizzera ha accelerato le proprie capacità omnichannel per creare maggiori opportunità di visita per i clienti e rendere l’esperienza di acquisto più conveniente. L’introduzione della progettazione e della vendita di servizi da remoto è stata una tappa fondamentale per soddisfare le mutevoli esigenze dei clienti. Seguendo questa linea, lo scorso agosto IKEA Svizzera ha aperto un centro di progettazione e ordini presso la stazione centrale di Zurigo, dove i clienti hanno l’opportunità di progettare e ordinare i loro prodotti in una posizione centrale della città. Un’ulteriore tappa importante è stato il lancio della nuova app IKEA Shopping, scaricata più di 250'000 volte dal lancio – avvenuto a marzo 2021 – e l’introduzione del primo «shop and go concept».

Verso la consegna a zero emissioni e l’ampliamento dell’offerta di energia pulita
Nell’ambito della strategia della sostenibilità che punta a un impatto positivo sul clima entro il 2030, IKEA Svizzera si è prefissata l’ambizioso obiettivo di effettuare consegne «last-mile» a zero emissioni entro il 2025. La prima importante tappa per raggiungere questi obiettivi è stata la partnership con Quickpac, di cui IKEA è partner dall’agosto di quest’anno e che già attualmente effettua il 30% delle consegne di pacchi. Per continuare a guidare il cambiamento verso consegne con veicoli elettrici in tutta la Svizzera, IKEA è alla ricerca di nuovi partner e delle infrastrutture necessarie.

Fornire Clean Energy Services (servizi a energia pulita) a un prezzo conveniente è per IKEA un’ulteriore opportunità di rendere la vita sostenibile più accessibile alla maggior parte delle persone. Nell’anno fiscale 2021 IKEA Svizzera ha permesso a un numero sempre maggiore di svizzeri di passare all’elettricità rinnovabile, accrescendo la comunità «solare» di oltre il 15%. Inoltre, l’offerta di Clean Energy Services è estesa alle pompe di calore, per fornire opzioni ancor più significative che aiutino le persone a vivere entro i limiti del nostro pianeta.

Rendere i prodotti più accessibili, convenienti e sostenibili resta una priorità assoluta
In considerazione degli attuali limiti delle catene di distribuzione globali, IKEA ha deciso di concentrare la disponibilità nella gamma dalle vendite più elevate e di esplorare nuove opportunità per incrementare l’offerta di prodotti di origine regionale. Il 70% dei beni venduti in Europa sono prodotti qui.

La disponibilità e la sostenibilità rimangono pietre miliari che vanno di pari passo con l’obiettivo di ispirare e permettere alla maggior parte delle persone di vivere una vita più sostenibile presso la propria abitazione, scegliendo ad esempio di usare batterie ricaricabili. Per fare in modo che ciò accada, quest’anno sarà completamente eliminata la linea di batterie monouso ALKALISK. IKEA Svizzera sta inoltre esplorando nuovi modi per rendere la circolarità – l’eliminazione dei rifiuti e l’uso continuativo delle risorse – più conveniente e rilevante. Studi condotti a livello globale e un mercato dell’usato in espansione confermano un elevato tasso di rivendita dei mobili IKEA [rivenduti fino a 5 volte a seconda del tipo di prodotto (Nestor Second hand market Survey, 2020)]. IKEA ha deciso di aggiungere e migliorare continuamente i servizi a sostegno di un uso circolare dei prodotti, per renderlo accessibile alla maggior parte delle persone. In occasione del Black Friday, l’attenzione di IKEA Svizzera si concentrerà sui mobili di seconda mano, premiando i clienti che le rivenderanno i propri mobili attraverso la campagna «BuyBack Friday».
 

Contatto stampa

Dominique Lohm, Addetta Stampa IKEA Svizzera
Müslistrasse 16, 8957 Spreitenbach

Mobile:
+41 79 410 23 69
E-Mail:
dominique.lohm@ingka.ikea.com